Scuola materna Cesano Maderno

  • Località: Cesano Maderno
  • Sistema: Sistema Comunità
  • Classe energetica: A
  • Tipologia: comunita
  • Numero piani: 3

A Cesano Maderno una scuola interamente in legno progettata dallo Studio BOTTON+ASSOCIATI

Scuola materna a Cesarno Maderno

La scuola materna di via Campania a Cesano Maderno si sviluppa su un solo piano e si relaziona con il parco esterno tramite delle ampie superfici vetrate e dei portici che creano episodi di compenetrazione tra interno ed esterno. Nella distribuzione interna degli spazi si possono individuare tre zone. La prima zona, orientata a nord-ovest è quella dei servizi e ospita in posizione centrale l’ingresso, affiancato dai locali adibiti a funzioni di supporto alla didattica come la zona porzionamento vivande, i depositi, i bagni per la pulizia degli allievi, la lavanderia, il locale assistente e visite mediche e la sala insegnanti. La seconda zona ospita la mensa e la zona delle attività libere che sono strettamente messe in comunicazione da una porta mobile a tutta altezza che permette di creare un unico grande ambiente.
Questi locali tramite ampie superfici vetrate scorrevoli sono messi in diretta relazione con il portico e la corte interna a sud-ovest e con il giardino a nord-est. Il portico ha anche la funzione di proteggere durante il periodo estivo, quando il sole è più alto, l’ambiente interno dall’eccessiva sovraesposizione solare permettendo allo stesso in inverno, quando il sole è più basso, di poter godere del benefico apporto solare. La terza zona esposta a sud-est ospita le aule per l’attività ordinate e il blocco spogliatoi/servizi igienici.Il modulo dell’aula è accorpato al blocco spogliatoi/servizi, in questo modo tra le due aule si crea una zona cuscinetto, costituito dal blocco servizi, che permette di migliorare le prestazioni acustiche. Inoltre ogni aula è dotata di uno spazio coperto all’aperto che permette ai piccoli allievi di poter fare attività didattiche nel giardino.

L’edificio applica severi criteri di rispetto ambientale:

  • A. Integrazione nel contesto del complesso edificato;
  • B. uso passivo dell’energia solare tramite pannelli fotovoltaici e pannelli solari
  • C. isolamento rinforzato;
  • D. uso di tecnologia costruttiva stratificata a secco e tetto verde;
  • E. finiture naturali e legnami ad elevata durabilità naturale;
  • F.energia geotermica;
  • G.cura degli ambienti interni e ventilazione naturale;
  • H.cura del verde e degli spazi aperti.

 

A. Integrazione nel contesto del complesso edificato

L’accesso all’area di progetto avviene attraverso percorsi pedonali protetti e riparati dalla presenza del verde.Le aule sono posizionate a sud-est per garantire un adeguato comfort visivo e illuminazione naturale, ognuna ha il suo spazio esterno a verde riservato. Ad est l’edificio si apre all’esterno con una corte a C che diviene il naturale prolungamento dello spazio delle attività libere favorendo la compenetrazione tra spazi interni ed esterni.

B. Uso passivo dell’energia solare tramite pannelli fotovoltaici e pannelli solari

Nella progettazione è stata posta particolare attenzione all’utilizzo dell’energia solare e alla sua integrazione con la composizione degli spazi funzionali della scuola materna. La vetrata di ogni aula è protetta da lamelle orientabili e da una pensilina aerea orizzontale in continuità con la copertura verde, costituita da pannelli fotovoltaici monocristallini che forniscono parte dell’energia elettrica necessaria per la scuola materna. La collocazione dei pannelli fotovoltaici monocristallini con il loro caratteristico colore blu e la semitrasparenza, è stata oggetto di studio al fine di massimizzare il rendimento del pannello. Tale posizione permette ai fruitori della struttura di scorgere i pannelli, in questo modo la loro presenza può diventare propedeutica e formativa per l’educazione ambientale dei bambini. Inoltre in copertura sono posizionati i pannelli solari per la produzione dell’acqua calda sanitaria.

C. Isolamento rinforzato

Sono state progettate delle soluzioni conformi che prevedono l’utilizzo di tecnologia stratificata a secco con un rinforzo dell’isolamento termico e in particolare la realizzazione di un isolamento a cappotto. L’isolamento a cappotto consiste nell’applicare sulla faccia esterna della parete un pannello di materiale isolante ricoperto da un paramento esterno completamente divincolato in termini termici e non strutturali dalla parte strutturale e dal paramento interno. Questo tipo di coibentazione consente di eliminare i ponti termici e i fenomeni di condensazione del vapor d’acqua, migliora l’inerzia termica dell’edificio ed aumenta la temperatura superficiale degli strati costituenti la struttura edilizia. Il materiale utilizzato è la fibra di legno, inoltre i vetri impiegati sono a bassa emissività questo per ottenere sia un confort termico ma anche un risparmio energetico notevole, all’interno dei doppi vetri trovano alloggio i brise-soleil regolabili che serviranno a controllare il confort termico e l’afflusso solare fino a un completo oscuramento dell’ambiente. Dette aperture sono schermate anche da frangisole esterni in legno integrati anche dai pannelli fotovoltaici che implementano gli spazi coperti aperti della scuola materna in adiacenza delle aule. La ventilazione naturale delle aule è garantita da una fascia di pannelli vetrati apribili e da un sistema di ricambio dell’aria che evita le dispersioni termiche.

D. Uso di tecnologia costruttiva stratificata a secco
Ai fini della economicità dell’opera si evidenzia che la tecnologia di costruzione a secco e la scelta di materiali di elevata durabilità facilita la manutenzione ordinaria e straordinaria abbattendo così i costi di gestione. La struttura prevede delle pareti portanti esterne, interne e solai in pannelli listellari a fibre incrociate di abete rosso di buona qualità, essiccato tecnicamente. Per l’incollaggio viene impiegata una colla poliuretanica monocomponente liquida purbont hb110 priva di solventi e formaldeide. La coibentazione termica ha l’obiettivo standard delle costruzioni a basso consumo energetico, dunque un fabbisogno inferiore a 50 kWh/m2 annuo, corrisponde a 5 litri di olio combustibile o 5 m3 di metano/m2. Tutti i materiali impiegati sono controllati per la loro idoneità e scelti in base a criteri ecologici, provengono possibilmente da siti locali (p.es.: legno) e non presentano alcun rischio per la salute. Per l’isolamento acustico sono rispettati i valori della severa din 4109 per il normale isolamento acustico, ove è possibile saranno applicati quelli per l’isolamento acustico superiore. Inoltre il comportamento eccellente degli elementi in legno in caso di incendio, rivestimenti con materiali ignifughi o autoestinguenti e la rinuncia a materiali che in caso di incendio emettono gas tossici, garantiscono la massima sicurezza e costi minori grazie a moderni sistemi di costruzione che garantiscono un continuo risparmio di tempo ed energia. La classe energetica Cened Lombardia dell’edificio in progetto per quanto riguarda l’isolamento termico e l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile e sostenibile risulta in classe A.
Il tetto verde inaccessibile e a bassa manutenzione è realizzato con tecniche leggere, considerata la struttura lignea, il pacchetto è costituito da strati di drenaggio e piante tappezzanti perenni. Il tetto verde oltre ad essere un buon isolante termico ha la capacità di purificare, rinfrescare ed inumidire l’aria attraverso l’azione di trattenimento delle polveri, delle precipitazioni riducendo la presenza degli agenti inquinanti. Costituisce in questo modo un valore aggiunto alla qualità della vita dei fruitori della scuola materna.
E. Finiture naturali e legnami ad elevata durabilità naturale Gli elementi strutturali sono sottili grazie all’uso combinato di legno lamellare e acciaio e all’accurata ottimizzazione delle sezioni. Giunti studiati con attenzione garantiscono l’assenza di ristagno d’acqua e quindi la durata del legno. Le partiture interne sono rivestite di compensato impiallacciato pino, l’isolamento è in fibra di legno, le parti di legno esterne sono in larice e i pavimenti in gres porcellanato. Attraverso le fondazioni continue e i cordoli di rialzo in c.a., è appoggiato un solaio in lastre tralicciato, che funge da vespaio per la ventilazione naturale del pavimento. Il legno è uno dei materiali principali della BioEdilizia poiché numerose sue caratteristiche lo rendono un materiale quasi perfetto se di esso ne viene fatto un utilizzo responsabile. Infatti è un materiale rinnovabile, ecologico, sostenibile e salutare.
F. Energia geotermica La scuola materna è dotata di impianto geotermico idoneo per il riscaldamento e il rinfrescamento.
G. Cura degli ambienti interni e ventilazione naturale Ogni ambiente della scuola presenta aperture contrapposte per permettere un naturale ricircolo dell’aria, integrato da un sistema di ricambio controllato che permette la costante immissione di aria pulita senza compromettere il risparmio energetico invernale ed estivo.
H. Cura del verde e degli spazi aperti .Gli spazi aperti sono stati piantumati con essenze ad alto fusto a foglia caduca per ottenere zone d’ombra d’estate e permettere il passaggio dei raggi di sole d’inverno. E’ stato realizzato un orto botanico dove i bambini possono svolgere attività didattiche. Il fabbricato oggetto di intervento è situato posto nel Comune di Cesano Maderno in via Campania ed è immerso in una zona residenziale in stretta relazione con il complesso scolastico provinciale e le strutture religiose del quartiere Sacra Famiglia. La sua realizzazione è derivata da un accordo tra l’Amministrazione Comunale di Cesano Maderno, e l’Operatore, l’impresa Edile Fratelli Faletra nell’ambito di utilizzo delle risorse economiche del Programma Integrato di Intervento di via Lazio. In particolare la scuola materna in progetto si configura come uno standard qualitativo ed è stata dimensionata per tre sezioni per il Quartiere Sacra Famiglia ed è stata realizzata con le tecniche dell’architettura sostenibile nell’area di proprietà pubblica in via Campania. Obiettivo della nuova costruzione della scuola in prossimità del parco naturale delle Groane, è di apportare sia nuovo impulso al quartiere, che una rivalutazione culturale attraverso l’utilizzo di tecniche dell’architettura sostenibile.

Il progettista

Lo studio BOTTON+ASSOCIATI si occupa da oltre trent’anni di architettura, urbanistica, ingegneria e comunicazione, sviluppa progetti di differenti scale, dalla pianificazione urbana al disegno esecutivo dell’edificio, dall’interior design alla comunicazione, dalla ricerca tecnologica della costruzione all’analisi e al progetto di paesaggio, con un’attenzione particolare alla bioarchitettura e alla sostenibilità energetica.

La scuola si inserisce in un’area del comune caratterizzata dalla presenze del verde e di altri complessi scolastici, religiosi e ricreativi. Gli spazi ricavati sono ampi e luminosi con attenzione a ridurre gli effetti d’abbagliamento solare mediante l’ausilio alternato di tende oscuranti interne e portici esterni.

I sistemi utilizzati