Antisismica: il Progetto Sofie

Da sempre abbiamo a cuore la sicurezza.

Una costruzione in legno RASOM è quanto di più sicuro esista in campo edile contro i sismi. Coscienti che la sicurezza è un valore di primaria importanza, ci siamo fatti promotori di un progetto che ha fatto scuola riguardo la sicurezza: il Progetto Sofie, in collaborazione col CNR Ivalsa.

 

Il modo più sicuro per vivere la casa è il legno

 

Il progetto ha smantellato pregiudizi fino ad allora imperanti sulla scarsa tenuta sismica del legno, tanto che le normative internazionali prevedevano che in zona sismica non potevano esserci edifici in legno alti più di 7,5 metri.

Nell’immagine a destra, Giuseppe Gilli di RASOM, Marco Felicetti A.D. di DKZ srl e l’Ing. Mauro Croce durante i test a Mikj (Giappone) nel 2007, durante i quali sono state testate le prestazioni antisismiche dell’edificio di 7 piani realizzato interamente in legno da RASOM Wood Technology.

Oltre ad essere un fiore all’occhiello nella nostra storia aziendale, il test ha dimostrato che le case in legno, realizzate secondo gli standard utilizzati da RASOM, non solo possono essere nuovamente abitate dopo un sisma, ma rappresentano la soluzione costruttiva ideale per un paese come il nostro, a forte rischio sismico.

 

Il prototipo di edificio di sette piani – circa 24 m – è stato testato in Giappone sottoponendolo ad un’onda d’urto equivalente alla magnitudo 7,2 della scala Richter, riproducendo un’oscillazione pari ad uno dei terremoti più disastrosi nella storia
recente, quello di Kobe nel 1995.